Il progetto

 

Il progetto sorge dall’idea che le giovani generazioni non siano caratterizzate solamente per come descritte dalla narrazione dominante, vincolate a scarse prospettive di carriera lavorativa, di stabilità familiare, poco legate a valori etici e morali, poco attive a livello di partecipazione sociale e politica rispetto alle generazioni precedenti.

La narrazione negativa non aiuta i giovani fiducia nel futuro, né a imprimere cambiamenti capaci di promuovere la nascita o il consolidamento di percorsi virtuosi, né a migliorare la loro condizione.

“Italiani Bella Gente” realizzare un percorso che al contrario promuova le esperienze positive realizzate dai giovani nei settori sociali e no profit, per contribuire a portare all’attenzione di altri giovani, dell’opinione pubblica, degli stakeholders come associazioni e enti no-profit, delle istituzioni gli esempi virtuosi di attivazione, spirito di iniziativa, intraprendenza, partecipazione sociale e politica dei giovani cittadini.

Il progetto prevederà una fase di raccolta e promozione di esperienze positive e un meeting nel quale queste esperienze verranno analizzate, verrà analizzata l’attuale legislazione relativa al Terzo Settore in Italia, verranno analizzati i bisogni e le necessità che hanno i giovani che lavorano e si impegnano nei settori no profit.

Attraverso il confronto con gli esperti e decision makers, i giovani partecipanti proporranno misure concrete dirette alle istituzioni che abbiano la capacità di favorire e promuovere l’impegno dei giovani nei settori non profit.

Il primo obiettivo è quindi la promozione delle esperienze positive realizzate dai giovani.
Il secondo obiettivo è coinvolgere i giovani nella creazione di proposte di misure dirette al supporto e alla promozione del loro lavoro e del loro impegno in attività sociali e non profit.

Profilo dei partecipanti

Giovani di età compresa tra i 18 e i 30 anni residenti in Italia.

I partecipanti dovranno aver maturato un’esperienza nel mondo del no profit (ad esempio volontari, membri di associazioni, operatori sociali, educatori, ecc…).

Perché partecipare a questo evento

Il progetto intende trasferire ai partecipanti diverse conoscenze, competenze e abilità. In particolare il progetto promuoverà, attraverso le attività previste, alcuni concetti chiave quali la partecipazione attiva, la cittadinanza europea, l’inclusione sociale, le iniziative giovanili, le politiche giovanili, la libertà, la giustizia, l’uguaglianza, la dignità umana, la non discriminazione, la democrazia, l’universalità e la solidarietà.

Il progetto sarà inoltre focalizzato sul portare a conoscenza i giovani dei processi decisionali e il funzionamento degli organismi locali, nazionali e comunitari.

Inoltre consentirà ai partecipanti di approfondire e migliorare la propia conoscenza delle normative inerenti il Terzo Settore e gli ambiti del no profit, dotandoli quindi di conoscenze fondamentali per il loro percorso personale e professionale. Inoltre, attraverso la conoscenza dei modelli e delle sperienze positive portati alla loro attenzione, i partecipanti potranno acquisire nuovi strumenti e metodologie utili.

Si avrà quindi una circolazione di buone pratiche che potranno essere ispiratrici di nuove esperienze positive portate avanti dai giovani nel Terzo settore e negli ambiti no profit.

PROGRAMMA DEL MEETING

8 GIUGNO 2022
> Saluti istituzionali

> Presentazione degli obiettivi del progetto e delle Modalità del dialogo.

> Introduzione YouthPass. Presentazione programma Erasmus Plus e gli 11 YouthGoals europei.

9 GIUGNO 2022
> Gruppi di lavoro tra i partecipanti

> La riforma del Terzo Settore

> Le opportunità europee per il volontariato

> Testimonianze di “buone pratiche”

10 GIUGNO 2022
> Incontro di Dialogo Strutturato con gli esperti/decision makers e gli stakeholder ” Quale futuro per i giovani italiani?”

> Relazioni gruppi di lavoro

> Consegna Youth Pass

> Conclusioni

RACCOLTA FOTOGRAFICA